Federazione Coldiretti Veneto

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

09/05/2019 - N.

FESTA DELLA MAMMA: TORNANO I CUORI IN LEGNO DAI BOSCHI DELLA MONTAGNA FERITA

nelle foto: la nuova leader delle imprese agricole rosa di Coldiretti, Floriana Fanizza, alcuni dei “pezzi” realizzati dall’artista padovana e la risposta del Presidente francese Macron 

​Padova, 9 maggio 2019 - Sono arrivati fino in Francia, precisamente all'Eliseo, il palazzo del Presidente Emanuel Macron che ha ringraziato personalmente le donne di Coldiretti che con il loro cuore hanno dimostrato vicinanza a quanto accaduto al simbolo di Parigi, Notre Dame. Ma i pezzi di larice dei boschi dell'Altopiano non solo hanno oltrepassato le Alpi, hanno anche attraversato tutta Italia per testimoniare la forza delle agricoltrici nella ricostruzione delle foreste venete. 
Sotto forma di bomboniere per battesimi, matrimoni, varie cerimonie, come gadget,  souvenir o regalo per la festa della donna, per San Valentino, offerti nei banchetti dei mercati di Campagna Amica in tutto il Veneto ora ritornano dipinti a mano per onorare l'appuntamento del 12 maggio quando tutte le mamme saranno festeggiate. Non si frena l'entusiasmo della gente per questi oggetti ricavati dagli alberi schiantati sulle montagne di Belluno e Vicenza. 
In versione grezza, con fiocco, incartati o sciolti ora tinti e disegnati dalle mani abili di Wally Fabbro imprenditrice agricola di Sant'Angelo di Piove di Sacco sono giunti in questi giorni a Roma e saranno distribuiti in Friuli, a Rovigo a Padova nel prossimo fine settimana in occasione di eventi organizzati da Donne Impresa Coldiretti. 
"Sono continue le richieste che intercettiamo ogni giorno  - commenta Valentina Galesso presidente provinciale del gruppo femminile di Padova -  questo significa che la solidarietà e l'attenzione al paesaggio è sempre alta. Questi cuori di legno provengono da Asiago ed è li che torneranno come piante con il nostro progetto #adottaunbosco che il Sindaco Roberto Rigoni Stern ha accolto con entusiasmo prevedendo già un lotto per un giardino didattico, che sarà un polmone verde per turisti e cittadini. 
E' il nostro contributo alla rinascita di quei luoghi provati dalla calamità Vaia, ma è anche un gioco di squadra con chi ha sostenuto le nostre iniziative a cominciare dal concerto del 30 gennaio scorso al Teatro Verdi. Ai partner e agli sponsor e a tutte le persone di buona volontà noi dedichiamo il nostro impegno”.